Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Festival “Da Venezia a San Pietroburgo”: ad aprile ancora grande cinema italiano. Il Festival del Cinema Italiano “Da Venezia a San Pietroburgo” porta nella Capitale del Nord una rassegna dei film italiani dalla 68° Mostra cinematografica di Venezia. Dal 5 al 10 aprile 2012 al Cinema “Dom Kino”.

Data:

04/04/2012


Festival “Da Venezia a San Pietroburgo”: ad aprile ancora grande cinema italiano. Il Festival del Cinema Italiano “Da Venezia a San Pietroburgo” porta nella Capitale del Nord una rassegna dei film italiani dalla 68° Mostra cinematografica di Venezia. Dal 5 al 10 aprile 2012 al Cinema “Dom Kino”.

Continua la primavera cinematografica italiana di San Pietroburgo e si arricchisce di un altro prezioso tassello grazie all’arrivo della produzione italiana di pellicole gia’ presentata al 68ma Mostra del Cinema di Venezia lo scorso anno. Dopo la settimana del Nuovo cinema Italiano 2012 a San Pietroburgo, che ha portato, dal 18 al 25 marzo al Cinema Rodina, nove pellicole di giovani registi italiani, il 5 aprile sara’ la volta della migliore produzione italiana in concorso allo scorso Festival della citta’ lagunare.

Il festival “Da Venezia a San Pietroburgo”, che si terra’ al Cinema Dom Kino in Karavannaja ul. 12 dal 5 al 10 aprile, verra’ inaugurato giovedi’ 5 alle ore 19,30 con la proiezione del primo film “Scialla!” di Francesco Bruni, un’interessante commedia vincitrice di “Controcampo italiano”, la sezione che l’ultima Mostra del Cinema di Venezia ha dedicato al cinema del nostro Paese.

Nei giorni seguenti si alterneranno sugli schermi film e documentari italiani e russi. La formula della rassegna, infatti, affianca ai titoli di registi italiani (“Quando la notte” di Cristina Comencini, “Scialla!” di Francesco Bruni, “L’ultimo terrestre” di Gian Alfonso Pacinotti, “Il villaggio di cartone” di Ermanno Olmi e i tre documentari  “Pugni chiusi” di F. Infascelli, “Schuberth, l’atelier della Dolce Vita” di A. Sarno e “Andata e Ritorno” di D. Finocchiaro) altrettante opere di registi pietroburghesi.

Saranno proiettate le pellicole “Il soldato di carta” e “Garpastum” di A. Gherman, “Vivan las antipodas!” di V. Kossakovskij, “Diamonds” di R. Khamdamov  e “Leggiamo il libro dell’assedio” di Alexandr Sokurov, il regista trionfatore all’ultima edizione del Festival con il film “Faust”.

La rassegna “Da Venezia a San Pietroburgo”, organizzata dall’Istituto Italiano di Cultura di San Pietroburgo, con il sostegno del Consolato Generale d’Italia ed il patrocinio della Mostra Internazionale del Cinema di Venezia, grazie al sostegno di UniCredit Banca, Enel e Ferrero giunge a San Pietroburgo per la prima volta dopo aver fatto tappa a Mosca dal 19 al 23 marzo ed aver concluso li’ una fortunatissima terza edizione molto apprezzata dal pubblico. La prima edizione pietroburghese, quindi, nasce come punto di incontro delle esperienze del cinema dei due Paesi che hanno condiviso il palcoscenico della Mostra di Venezia quale momento di alta espressione artistica. I film, proiettati in lingua originale con sottotitoli, saranno quindi un’occasione per scoprire quanto in fondo sia breve la distanza “da Venezia a San Pietroburgo”.

ELENCO DEI FILM IN PROGRAMMA

Film italiani:
“Quando la notte”- (116 min) di Cristina Comencini, regista e scrittrice, che parla di una madre e della sua impossibile storia d’amore con un montanaro alter-ego.
“Scialla!”- (95 min), commedia leggera di Francesco Bruni, vincitore di Controcampo italiano, la sezione che l’ultima Mostra del Cinema di Venezia ha dedicato al cinema italiano.
“L’ultimo terrestre”- (100 min), che segna l’esordio alla regia cinematografica del fumettista, noto anche in Russia, Gipi (Gian Alfonso Pacinotti)
 “Il villaggio di cartone” (87 min), ultimo film del regista Ermanno Olmi, dove viene affrontato il tema della religione.

Documentari:
“Pugni Chiusi”-
(60 min), di F. Infascelli, documentario sociale tra la Sardegna e l’isola dell’Asinara, vincitore del premio per i documentari nella sezione ‘Controcampo italiano’.
“Schuberth, l’atelier della Dolce Vita”- (37 min), di A. Sarno, che racconta l’affascinante storia del sarto delle attrici di Federico Fellini, talmente noto nella Roma della Dolce Vita da divenire un’istituzione anche per le attrici oltreoceano.
“Andata e Ritorno”- (45 min), di D. Finocchiaro, un documentario in cui l’autrice rende omaggio a Catania, la sua città natale, attraverso le parole di illustri concittadini come il musicista Franco Battiato e la cantante Carmen Consoli.

Film russi:
“Il soldato di carta” di A.Gherman (118 min)
“Vivan las antipodas!” di V.Kossakovskij (108 min)
“Garpastum” di A.Gherman (116 min)
“Diamonds” di R.Khamdamov (26 min)
“Leggiamo il libro dell’assedio’” di A. Sokurov (96 min)


Programma del Festival di Cinema Italiano “Da Venezia a San Pietroburgo”
5-10 aprile 2012 – Cinema Dom Kino, Karavannaja ul. 12 www.domkino.spb.ru

5 aprile  
19.30 inaugurazione del Festival
“Scialla” di F. Bruni

6 aprile 
19.30  “Il soldato di carta” di A. Gherman
21.20  “Quando la notte” di C. Comencini

7 aprile
17.50  “Scialla” di F. Bruni
19.50  “Il villaggio di cartone” di E.Olmi

8 aprile
17.20 “Garpastum” di A. Gherman
19.30 “Diamonds” di R. Khamdamov
“Schuberth, l’atelier della Dolce Vita” di A. Sarno
“Andata e ritorno” di D. Finocchiaro

9 aprile
18.30 “Leggiamo il libro dell’assedio” di A. Sokurov
20.20 “Pugni chiusi” di F. Infascelli

10 aprile
19.40 “L’ultimo terrestre” di G. Pacinotti


267