Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

IMPORTANTI PRECISAZIONI SUL VISTO ELETTRONICO PER SAN PIETROBURGO E REGIONE DI LENINGRADO

Data:

04/11/2019


IMPORTANTI PRECISAZIONI SUL VISTO ELETTRONICO PER SAN PIETROBURGO E REGIONE DI LENINGRADO

Solo in caso di emergenze verificatesi dopo l’arrivo a San Pietroburgo e al di fuori dell'orario di ufficio, è possibile contattare il funzionario di turno del Consolato Generale al numero: +7 921 9365191, per cortesia solo dopo aver letto con attenzione le seguenti informazioni.

Dal 1° ottobre 2019 i cittadini italiani e di molti altri Paesi dell’Unione Europea e di altri Stati possono ottenere gratuitamente e online il visto elettronico per la città di San Pietroburgo e la regione di Leningrado.

Prima di compilare la richiesta di visto online si raccomanda di studiare con la massima attenzione le procedure illustrate sul sito del Ministero degli Affari Esteri della Federazione russa: (in lingua inglese: http://electronic-visa.kdmid.ru/index_en.html e in lingua russa: http://electronic-visa.kdmid.ru). In caso di dubbio si invita a cercare ulteriori informazioni sui siti web degli Uffici consolari russi in Italia (Milano, Genova, Roma e Palermo) nelle rispettive sezioni sui servizi consolari.

Per prevenire conseguenze molto spiacevoli, i cittadini italiani che intendono usufruire di questa agevolazione sono invitati alla massima attenzione alle seguenti circostanze:

a)AVER OTTENUTO IL VISTO ELETTRONICO ONLINE NON GARANTISCE L’INGRESSO IN RUSSIA!

b) i dati inseriti nel formulario online devono coincidere al 100 per cento con quelli presenti sul proprio passaporto. In base all’esperienza sinora maturata, la minima discordanza rende impossibile l’ingresso alla frontiera (basta omettere un secondo nome o cognome, inserire il nome al posto del cognome e viceversa o commettere qualsiasi errore di battitura, anche di una sola lettera, cifra o data). In base alla procedura stabilita dalle Autorità russe la compagnia aerea è responsabile del controllo al momento dell’imbarco, ma laddove l’impiegato al check-in a sua volta non si accorgesse dell’errore commesso dal viaggiatore straniero nel compilare il visto elettronico, all’arrivo a San Pietroburgo le Autorità di frontiera russe non consentiranno l’ingresso, ma tratterranno i cittadini coinvolti in aeroporto fino al rimpatrio con il successivo volo utile. Agli interventi effettuati dalle rappresentanze diplomatiche e consolari europee a San Pietroburgo e a Mosca per segnalare la rigidità di tale prassi, le Autorità russe hanno sinora replicato, anche ai più alti livelli, che purtroppo tale procedura non ammette al momento eccezioni, non solo per motivi tecnico-informatici, ma anche perché il visto elettronico gratuito online costituisce una concessione unilaterale, in quanto i cittadini russi non beneficiano del medesimo trattamento da parte dei Paesi UE;

c) la validità del visto è di otto (8) giorni in tutto, che includono sia il giorno di arrivo che quello di partenza (anche se l’arrivo avvenisse oltre le 23 e la partenza dopo le 24). In caso di superamento, anche per poche ore, del termine esatto degli otto giorni di soggiorno così rigorosamente definiti, le Autorità di frontiera possono impedire l’uscita dal Paese, trattenendo i cittadini stranieri nella Federazione Russa per alcuni giorni, fino alla celebrazione di un processo giudiziario, al termine del quale si viene di solito espulsi con sanzione amministrativa e divieto di ingresso in Russia per i successivi cinque anni;

d) con il visto elettronico non è assolutamente ammesso alcuno spostamento o transito al di fuori del territorio di San Pietroburgo e della regione di Leningrado. Se si viaggia in aereo è pertanto obbligatorio entrare ed uscire solo ed esclusivamente attraverso l’Aeroporto di San Pietroburgo (LED). Non sono assolutamente ammessi transiti, nemmeno di pochi minuti, presso altri aeroporti russi, come ad esempio quelli di Mosca;

e) al momento con il visto elettronico resta vietato l'ingresso attraverso i mezzi ferroviari.

 

 


600