Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

INGRESSO IN ITALIA DALLA RUSSIA (agg. 29/11/2021)

Data:

29/11/2021


INGRESSO IN ITALIA DALLA RUSSIA (agg. 29/11/2021)

A causa della pandemia COVID-19 l’ingresso in Italia dalla Federazione Russa è al momento limitato, salvo eccezioni, ai cittadini italiani/UE/Schengen e loro familiari stranieri, nonché ai titolari dello status di soggiornanti di lungo periodo e loro familiari (Direttiva 2004/38/CE).

Per tutti i voli diretti in Italia è necessario presentarsi all’imbarco muniti di

  • referto di test molecolare PCR con tampone per COVID-19 negativo effettuato nelle precedenti 72 ore in lingua italiana o inglese;
  • Passenger Locator Form (dPLF) compilato in formato digitale e/o cartaceo, scaricabile al seguente link.

Al fine di concludere la procedura del dPLF e ottenere il codice da mostrare l’imbarco, si consiglia di completare anche le voci a cui non si è ancora in grado di dare una risposta (ad esempio il numero del posto sui voli in cui non è possibile effettuare il check-in online) utilizzando formule in lingua inglese (ad esempio, per il numero di posto: NOT YET AVAILABLE), aggiornando successivamente il modulo online una volta acquisita l’informazione mancante.

Per tutti i viaggiatori provenienti dalla Federazione Russa il periodo obbligatorio di isolamento fiduciario (“quarantena”) presso il domicilio di arrivo in Italia è salvo deroghe di dieci (10) giorni, con obbligo di informare le Autorità Sanitarie regionali all’arrivo e di effettuare un tampone con risultato negativo al termine della quarantena.

Le procedure per i casi di deroga sono illustrati in questo link:
https://www.salute.gov.it/portale/nuovocoronavirus/dettaglioContenutiNuovoCoronavirus.jsp?lingua=italiano&id=5411&area=nuovoCoronavirus&menu=vuoto&tab=6

Per informazione sui voli diretti tra San Pietroburgo e l'Italia, consultare il seguente link:
https://conssanpietroburgo.esteri.it/consolato_sanpietroburgo/it/la_comunicazione/dal_consolato/voli-diretti-tra-san-pietroburgo.html

Le disposizioni generali in vigore per i cittadini italiani e stranieri sono illustrate sul sito ufficiale del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale in lingua italiana
(https://www.esteri.it/mae/it/ministero/normativaonline/decreto-iorestoacasa-domande-frequenti/focus-cittadini-italiani-in-rientro-dall-estero-e-cittadini-stranieri-in-italia.html)

e in lingua inglese
(https://www.esteri.it/mae/en/ministero/normativaonline/decreto-iorestoacasa-domande-frequenti/focus-cittadini-italiani-in-rientro-dall-estero-e-cittadini-stranieri-in-italia.html).

Per ulteriori approfondimenti si consiglia di consultare il servizio online predisposto dal Ministero degli Affari Esteri in lingua italiana
(http://www.viaggiaresicuri.it/approfondimenti-insights/saluteinviaggio).

Ai cittadini russi l’ingresso è consentito solo in presenza di documentate circostanze eccezionali, quali:

  • relazione affettiva comprovata e stabile (anche senza convivenza) con cittadini italiani/UE/Schengen/soggiornanti di lungo periodo al fine di raggiungere l’abitazione/domicilio/residenza del partner in Italia
  • esigenze di lavoro o di studio
  • motivi di salute
  • assoluta urgenza
  • rientro presso il proprio domicilio, abitazione o residenza.

In questi casi, le persone residenti nella circoscrizione consolare del Consolato d’Italia a San Pietroburgo (Russia nord-occidentale), sono invitate a inviare una richiesta in lingua italiana o russa all’indirizzo email visti.spb@esteri.it, indicando il numero di telefono al quale essere ricontattati.

Al momento il Consolato Generale d’Italia a San Pietroburgo puó pertanto accogliere richieste di visti di ingresso solo nei seguenti casi:

TURISMO

a) familiari di cittadini dell’Unione Europea che accompagnino o raggiungano in Italia i propri congiunti (articoli 2 e 3 della Direttiva (CE) 38/2004: con qualsiasi grado di parentela se il cittadino straniero risiede nella Federazione Russa e risulta a carico del cittadino dell’Unione Europea che accompagna; coniuge o partner con il quale il cittadino dell’ Unione Europea abbia contratto una unione registrata; genitori, nonni e figli minori di 21 anni del coniuge o partner straniero;

b) familiari di cittadini stranieri regolarmente soggiornanti in Italia; per i cittadini della Federazione russa il rilascio del visto è riconosciuto ai familiari elencati all’ art. 6, comma 3, lett. a) dell’ Accordo di facilitazione del rilascio dei visti ai cittadini dell’Unione Europea e della Federazione russa firmato tra la Comunità europea e la Federazione russa il 25.5.2006 (coniuge, figli, genitori, nonni e nipoti);

c) cittadini stranieri che debbano raggiungere il domicilio o la residenza di un cittadino dell’Unione Europea o straniero regolarmente residente in Italia con il quale abbia una stabile e comprovata relazione affettiva (il modello di autocertificazione appositamente predisposto in questi casi è disponibile al seguente link: autocertificazione relazione stabile.docx; requisiti e condizioni previste sono illustrati nel dettaglio alla seguente pagina: https://conssanpietroburgo.esteri.it/consolato_sanpietroburgo/it/la_comunicazione/dal_consolato/2020/09/avviso-dpcm-7-settembre-2020-ingresso.html);

d) cittadini stranieri che dimostrino la necessità e l’urgenza di recarsi in Italia

e) cittadini russi residenti nella Circoscrizione Consolare di San Pietroburgo in possesso di un visto turistico rilasciato da un qualsiasi ufficio consolare italiano in Russia (visto Schengen tipo C multiplo) e scaduto dopo il 1° gennaio 2020 con procedura semplificata, senza presentare prenotazioni aeree ed alberghiere. Il rinnovo dei visti turistici a ingresso multiplo non permette al momento l’ingresso in Italia, ma consentirá di farlo non appena verranno meno le attuali limitazioni all’ingresso dalla Federazione Russa per il solo scopo di turismo, termine che verrà reso noto dalle competenti autorità nazionali ed europee sulla base degli sviluppi della situazione pandemica. Per ulteriori informazioni e dettagli sul rinnovo dei visti turistici si prega di contattare il Centro di raccolta Visti per l’Italia - VMS al +7 812 334 80 48 dalle 8:30 alle 17:30, attivo dal lunedì al venerdì.

TRANSITO

Viene rilasciato agli stranieri che dimostrino la assoluta necessità di transitare brevemente nel territorio italiano per raggiungere il Paese terzo di destinazione finale o per comprovati motivi di lavoro (ad esempio: i lavoratori marittimi).

AFFARI

Può essere rilasciato a operatori ed imprenditori che dimostrino la necessità di urgenti e non differibili contatti economico-commerciali con imprese od aziende in Italia.

LAVORO SUBORDINATO od AUTONOMO

Indipendentemente dalla durata del soggiorno o del contratto, in presenza dei requisiti richiesti, verranno rilasciati i visti connessi allo svolgimento di attivita’ lavorative.

CURE MEDICHE

Possono essere rilasciati visti per comprovate esigenze di salute, in relazioni necessità di ricoveri e terapie da effettuare in Italia.

STUDIO

Vengono rilasciati tutti i visti inerenti attività riconducibili allo studio (iscrizioni universitarie, attivita’ di ricerca, tirocinio e formazione professionale). Lo studio della lingua italiana può essere preso in considerazione soltanto nel caso di corsi di perfezionamento.

GARA SPORTIVA

I visti potranno essere rilasciati ad atleti, tecnici, dirigenti , direttori di gara ecc. per la partecipazione ad eventi e competizioni sportive a livello professionistico, riconosciuti dal Comitato Olimpico Nazionale (C.O.N.I.) e dai competenti organismi sportivi internazionali.

Potranno infine essere rilasciati visti per MOTIVI RELIGIOSI, MISSIONE, REINGRESSO, RESIDENZA ELETTIVA E RICONGIUNGIMENTO FAMILARE.


704